image/svg+xml1 Edizione 2019 DIRITTI RISERVATI ASSISCOUT
image/svg+xml3 Caro Scout di II classe, la prima cosa che non devi fare è perdere tempo a pensare che sei ormai di II classe e che per la I classe c’è tempo. Se ti farai distrarre da una simile considerazione sarai perduto. Una strada deve essere compiuta per intero proprio perché è una strada. Ti mancano altre due tappe, una delle quali è necessaria e questa è la tappa della I classe. Leggiamo di nuovo insieme B.P. «Facciamo perciò tutti la nostra parte. Quelli che sono oggi Scout dovrebbero prendere la decisione di divenire migliori Scout, non soltanto dal punto di vista della tecnica della vita all’aperto e del campeggio, ma nella fedeltà alla Legge e nella sua costante applicazione...». Ecco, questo è quello che va fatto. Qual è lo spirito dello Scout di 1 a classe? È spirito di testimonianza e di servizio. Questi sono i due settori nei quali tu devi particolarmente esercitarti. Che cosa si vuole da te? Che tu manifesti, testimoni la tua preparazione scout e tu divida la tua «ricchezza» con gli altri. Adesso non è più importante solo quello che impari, quanto piuttosto quello che sei disposto a insegnare: non come un professore, ma come uno che crede nella utilità delle cose che ha appreso e che desidera donarle a chi ancora non le conosce. Sappiamo tutti che avrai delle notevoli difficoltà e che questa proposta non è facile, però è necessario che tu siringa i denti, che non ti stia a crogiolare nei tuoi problemi e che ti preoccupi degli altri perché solo così il tuo Riparto e quelli che vengono dopo dite possono procedere. “Siamo molto simili ai mattoni di un muro: abbiamo ciascuno il nostro posto, per quanto esso possa sembrare un ben piccolo posto in un muro così grande. Ma se un solo mattone si sgretola e cade via dal suo posto, si comincia a sottoporre il resto dei mattoni ad uno sforzo indebito, appaiono le crepe ed il muro vacilla...”. Qual è dunque il tuo compito adesso? Preoccuparti dei novizi, degli esploratori semplici, tener altro l’onore del Riparto con il tuo modo di stare con gli altri, e con la tua abilità tecnica, richiedere da te stesso pazienza, DIRITTI RISERVATI ASSISCOUT
image/svg+xml4 spirito di servizio, buon umore e costanza, impegno a fare del tuo meglio senza cercare giustificazioni per te stesso. Questo è per te l’anno più difficile forse della tua vita e il più bello. Te ne accorgerai più avanti, non farti trascinare dalle tue crisi, che saranno molte e pesanti, ma come un vero uomo dimenticale per proteggere gli altri. Chi ti potrà aiutare? a) tu stesso; b) Squadriglia che dovrai cercare di frequentare con costanza; c) il tuo Capo Riparto . Le prove che ti aspettano richiedono un certo impegno da parte tua e sono organizzate nello stesso modo di quelle per la Seconda Classe. Puoi superarle nella stessa maniera, oppure, se lo preferisci, per qualche prova puoi conseguire delle specialità che ti consentano, contemporaneamente, di passare la prova corrispondente (ad esempio se conquisti la specialità di campeggiatore avrai automaticamente superato la prova di campismo, e così via). Quando avrai superato tutte le prove effettuerai il tuo HYKE di 1 a Classe, la prova che coronerà la tua Prima Classe. Lo tenterai il giorno in cui ti sentirai sicuro di te in ogni tecnica di Prima Classe: allenamento fisico, orientamento, topografia, campismo, abilità manuale, osservazione, pronto soccorso, ecc. Con l’Hyke di 1 a classe devi dimostrare a te ed al tuo Capo Riparto che sei uno Scout di 1 a classe, uno Scout in gamba nella tecnica come nello spirito. Il vero Hyke di 1 a Classe si fa una volta sola: la prima volta che il tuo Capo ti affiderà la «Missione» per la tua esplorazione quando ti sarai dichiarato “pronto”. Sarà la prima volta, ma non l’ultima, che partirai in “missione”, ma nessuna altra esplorazione, credimi, avrà il sapore del tuo viaggio di 1 a Classe. Sa di grande avventura: solo o con un fratello Scout partirai alla scoperta di un angolo d’Italia o d’Europa. Ha il gusto di un’impresa: dovrai cavarti d’impaccio da solo (forse anzi aiutare gli altri) e superare te stesso. E serberai nel tuo cuore il ricordo della B.A. di quel giorno. DIRITTI RISERVATI ASSISCOUT
image/svg+xml5 Prove di base Saper rendere conto della propria eventuale confessione religiosa, illustrandone la storia, le caratteristiche, le festività e le usanze. Conoscere gli indirizzi e i numeri di telefono dei ministri di culto delle varie religioni praticate nella propria zona, per essere sempre pronto a rendere servizio in caso di emergenza o ai turisti che chiedessero informazioni. Prove personali Aver assicurato per un ragionevole periodo un servizio concreto ed efficace alla propria Parrocchia o comunità (rivendita stampa, pulizia della chiesa, distribuzione bollettino, organizzazio-ne pellegrinaggio, allestimento presepio, censimento parrocchiale, assistenza bambini malati, ecc.). Aver partecipato alle attività comunitarie e sociali della propria confessione religiosa, dando il proprio contributo di animazione ed organizzazione. Condurre la propria Squadriglia in visita ai luoghi di culto della propria confessione, guidandola alla comprensione della loro architettura ed iconografia, nonché dei principali riti che vi si svolgono. Conoscere la storia, le caratteristiche dottrinali e le usanze di almeno 2 movimenti teosofici e/o grandi religioni del passato, riportarle sul proprio Quaderno di Caccia e saperle presentare in modo attivo alla propria Squadriglia. DIRITTI RISERVATI ASSISCOUT
image/svg+xml6 Ho completato il sentiero il giorno: _____________ Timbro e firma del Capo Riparto Conoscere e saper presentare alla propria Squadriglia le origini e la storia dell’ateismo mondiale. DIRITTI RISERVATI ASSISCOUT
image/svg+xml7 Prove di base Essersi documentato attorno alla vita di persone che hanno dedicato la loro esistenza al servizio dell’umanità. Praticare costantemente la B.A. ed aver così acquisito quello spirito di servizio, così naturale in uno Scout anziano. Saper immobilizzare un arto fratturato, oppure lussato, in attesa del medico. Conoscere la posizione delle principali arterie e i punti di pressione per frenare emorragie. Possedere un astuccio personale di pronto soccorso e averlo sempre con sé nelle attività all’aperto. Prove personali Sapersi comportare nei seguenti casi di emergenza: affogamento, morso di vipera e di cane, fuga di gas, scarica elettrica, svenimento, ustioni, incidente stradale. Saper praticare un metodo di respirazione artificiale. Aver avuto la responsabilità, o aver prestato validamente la propria opera, per assicurare il funzionamento di un posto di primo soccorso durante una importante manifestazione (es. Campo Estivo o San Giorgio, uscita con i Genitori, ecc.). Studiare la rete antincendio della propria scuola e sapere come comportarsi in caso di necessità. Aver partecipato ad un corso di primo soccorso tenuto dalla C.R.I. o da altro ente competente. Aver contribuito attivamente alla buona riuscita di DIRITTI RISERVATI ASSISCOUT
image/svg+xml8 iniziative a favore dei ragazzi del quartiere (olimpiadi, carnevale, ecc.). Possedere indirizzi e telefoni di tutti gli Scout del Riparto ed aver organizzato una catena di preavviso per un intervento improvviso (calamità naturali, incidenti, ecc.). Conoscere le regole fondamentali di assistenza ad un ammalato, misurare la temperatura, rilevare il polso, ecc. Averlo fatto in pratica. Preparare il materiale necessario per una cassetta di pronto soccorso per un Campo. Aver dato il proprio fattivo contributo ad una notevole B.A. di Natale. Prove di base Migliorare le proprie capacità atletiche in proporzione a quanto già fatto per la Seconda Classe. Saper dirigere i giochi di squadra in uso nel Riparto. Dirigere la ginnastica mattutina del Riparto al Campo, per alcuni giorni, presentando esercizi e giochi adatti. Aver compreso il significato dell'“essere pronti” anche dal punto di vista fisico. Leggere S.p.R., Chiacchierata n. 17. Nuotare per almeno 100 metri e mantenersi a galla senza fatica durante 5 minuti. Prove personali Tuffarsi correttamente a chiodo da m. 2,5. Saltare correttamente dall’altezza di m. 2. Scendere a corda doppia da 5 metri di altezza. Portare a riva 3 oggetti buttati in acqua limpida a 2 m. di profondità, a circa 5 m. dalla riva. DIRITTI RISERVATI ASSISCOUT
image/svg+xml9